Alfonso Esposito

Medico Specialista in Ostetricia e Ginecologia


"L’ abilità del buon allievo è quella di
far brillare con il suo talento la luce
del maestro nella quale è stato
allevato. "

avatar.png
signature.png

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Intervista apparsa su SANISSIMI (inserto de Il Giornale ) giugno 2010
di Eugenia Campo di Costa

Avere un figlio. Un desiderio naturale,che spesso appare come un sogno non sempre facilmente raggiungibile. Si stima che oltre il 30% delle coppie abbia difficoltà riproduttive. In genere, si considerano sterili quelle coppie che non riescono a intraprendere una gravidanza dopo un anno o più di rapporti sessuali regolari e non protetti. «Si dovrebbe spostare la comune concezione di sterilità di coppia e intenderla nei termini di un percorso che comprende un itinerario terapeutico, rispettoso della salute, che comprenda diagnosi e terapia quando, dopo un certo lasso di tempo gestito con un programma personalizzato su ogni coppia, non si riesca a sbloccare una condizione di difficile fecondazione» afferma il dottor Alfonso Esposito, ginecologo.

Il primo passo è una diagnosi corretta. Attraverso quali esami si può diagnosticare l’infertilità nell’uomo e nella donna?

«La prima diagnosi riguarda eventuali problemi di coppia. Quindi, attraverso valutazioni combinate come ad esempio il PCT – post coital test – che cerca di definire la capacità degli spermatozoi di attraversare il muco cervicale, si indirizza il percorso verso esami più mirati. È bene ridurre al minimo il numero e l’invasività dei mezzi di diagnosi, sfruttando molto clinica ed ecografia. Isterosalpingografia e isteroscopia ed il ricorso a metodiche più invasive, come la laparoscopia, deve avvenire solo quando strettamente necessario».

Effettuata la diagnosi si passa quindi alla terapia.

«La vera terapia inizia con il colloquio tra il medico e la coppia per decidere il percorso da intraprendere con rispetto e fiducia reciproci. È fondamentale cercare di smorzare tensioni, nevrosi e fretta che solitamente accompagnano il desiderio gravidico. È evidente che le coppie sterili adotterebbero subito metodi a loro parere più rapidi e sicuri, non considerando che i risultati sono ancora stimati in percentuali e l’impegno economico e farmacologico è gravoso. Per il medico è molto impegnativo gestire due menti alla ricerca spasmodica del risultato. L’obiettivo è riuscire a fare uno screening delle coppie che possono seguire un itinerario a basso impatto farmacologico e diagnostico».

Una volta realizzato il sogno, comincia un altro percorso. La vita del feto nel grembo materno. Quali screening si possono effettuare oggi?

Complesso l’argomento: per gli screening percentuali di cromosomopatia io li sostituirei con la DIAGNOSI di assenza del CAV (canale atrio ventricolare, presente in gran parte delle trisomie 21 ) con studio cardiaco precoce e affiderei all’amniocentesi la ricerca della certezza quando richiesta.

i0000004.jpg

«L’ecografia morfostrutturale, praticata intorno alla ventesima settimana, permette di studiare la crescita fetale, lo sviluppo e l’anatomia degli organi di cui è consentita la valutazione in utero, la flussimetria studia, a seconda dei periodi di gravidanza, i distretti materno-placentari e feto-placentari valutando eventuali risposte fetali anomale o di compenso a stati di difficoltà circolatorie.

Lo studio mediante ultrasuoni è un validissimo sussidio dinamico che permette di seguire una serie di eventi altrimenti invalutabili?

«In ciascun periodo della gestazione quando ben gestito, l’esame ecografico dà informazioni attuali e di massima sulla prognosi . Continua sempre a non essere prevedibile la patologia acuta che non mostri segni premonitori. Spesso i futuri genitori proiettano le informazioni che ricevono sul presente fetale, al futuro neonatale e magari oltre. Questo traslare sogni e immagini permette nell’immediato di tranquillizzarsi, ma il feto vive come noi giorno dopo giorno ed è in balia degli entusiasmi e delle difficoltà sue e di quelle materne come farà quando si trasformerà nel nostro bambino».Nostro compito è affiancare in questo percorso i genitori

Quali variabili entrano in gioco nei controlli di diagnostica prenatale?

«Per ogni tipo di esame esiste un limite della metodica che, aggiunto a quello umano oggi sempre più variabile da medico a medico, può dare una diversa lettura della diagnosi. In pratica eseguire al meglio un esame ecografico significa sfruttare al massimo la capacità del medico che interpreta le varie immagini e ottenere il massimo dalla capacità intrinseca al tipo di esame e all’apparecchiatura utilizzata. L’abilità del medico, la qualità delle apparecchiature e la tipologia materna, le posizioni del feto e il periodo del controllo determinano varianti che potranno essere dissimili da esame a esame e da paziente a paziente pur mantenendo costanti qualità di mezzi e di operatori».

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Indice articoli

 libro

Curriculum

curriculum

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Sfoglia l'opuscolo

opuscolo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)